Collana Fernandel

Stefano Fabbri, Viserbella Outliners


Viserbella Outliners
Pagine: 128
Collana: Fernandel
Data di pubblicazione: 1 dicembre 1997

Libro fuori commercio. Acquistabile solo su questo sito!




Una notte allo Slego, il mitico locale della riviera romagnola

La storia di una notte trascorsa senza freni nelle zone del divertimento a tutti i costi, fra droga, alcool, violenza e sesso. La carambola degli avvenimenti è dettata da un velocissimo ritmo cinematografico, scandito da un linguaggio gergale e da una sintassi assolutamente disinibita. Viserbella Outliners getta una luce sprezzante e ironica sul modo di affrontare le tematiche sociali - dalla droga al sesso, dalla politica all'amicizia - da parte dei giovani degli anni Novanta.

Stefano Fabbri Stefano Fabbri all'epoca di Viserbella Outliners

Stefano Fabbri (1971) vive a Ravenna; laureato in Lettere moderne all'Università di Bologna con una tesi sul rapporto tra il cinema e la letteratura, ha collaborato a diverse riviste di narrativa. Un suo saggio su tecniche cinematografiche di scrittura è uscito nel volume antologico Patchwork II (Il Castoro, 1998). Si occupa di web design.


Come inizia


- Noi facciamo prima un giro.
- Ah, va bene... Rita e io entriamo. Ci vediamo dentro.
- Sì, ci sbrighiamo.
- Ma dove vanno? Perché non entrano con noi...
- Lascia perdere, adesso arrivano. Lascia che facciano, vanno a...
- Arriviamo subito.
- Non preoccupatevi.
- Subito.
- Va bene, va bene. Ciao.
- Ciao.
- Ciao. - ... ciao.
Scantonano alla prima a destra che è ancora piena di macchine parcheggiate e guardano con disprezzo un Mercedes station. Cheppalle quella Rita - ma no, è solo un po’ così, nel suo mondo - le ci vorrebbe una sveglia, di quelle come dico io - eccolo e’ mì sburòn - dài, dove ci mettiamo? Una a sinistra e poi ancora a destra. Nella parte che rimane tra il lungomare coi lampioni ottocento e la ferrovia, Viserbella è una griglia. Una griglia fottuta che non ci si può perdere. Che non ci si perderebbe nemmeno un cieco dentro a uno scafandro con i Pantera a tutto volume. Arrivano ai bordi di quello che sembra un campo incolto, ma recintato, con l’erba alta e pregna di civiltà di scarico.
Sopra, una luna di sbieco. Mezza. Fintissima in un cielo uniforme da sfondo preparatorio. Perimetrizzano un lato con l’erba che scancella dalla recinzione e vanno a fermarsi sotto un grosso albero autunnale, con la luna che s’impiglia tra i rami.
BITTA: - Ma dove cazzo siamo?
GIOVANNI: - Lì c’è la ferrovia e seguendo da quella parte c’è lo Slego. E quello laggiù è il lungomare. [...]