Collana Fernandel

Stefano Bonazzi, L'abbandonatrice


L'abbandonatrice
Pagine: 160 circa
Isbn: 9788898605675
Collana: Fernandel
Data di pubblicazione: novembre 2017
Leggi le prime pagine



«“Qualcosa” è già un inizio. Qualcosa fa meno paura e, soprattutto, qualcosa è l’opposto di niente...»


Durante l’inaugurazione della sua prima mostra personale, Davide riceve una chiamata: Sofia, l’amica di cui aveva perso le tracce anni prima, si è tolta la vita a Londra.
Al funerale, Davide conoscerà Diamante, figlio di Sofia. Un sedicenne scontroso e instabile, che insieme al dolore si porta appresso un fardello di domande: che relazione c’era tra Davide e Sofia? Perché sua madre è scappata dall’Italia troncando ogni rapporto con amici e famigliari? Perché il suicidio? Perché andarsene in quel modo?
Tornato a Bologna insieme a Diamante, che gli è stato momentaneamente affidato, Davide si troverà all’improvviso catapultato in una convivenza a tre spigolosa e delicata che coinvolge anche Oscar, il suo compagno d’arte e di vita. Una serie di eventi che lo porteranno a riaffrontare quegli attacchi di panico che tanto faticosamente aveva cercato di seppellire, insieme ai ricordi e agli errori del passato.
Grazie a questa convivenza quasi forzata, la storia di Sofia riemergerà: una storia di mancanze, di silenzi e di madri dai comportamenti inspiegabili. Una storia dove ruoli familiari e sentimentali si mescolano e si annullano, in un groviglio morboso.
L’abbandonatrice è un romanzo sulla competizione, sull’adolescenza, sul disagio. Sulle responsabilità che ogni scelta comporta e sulla difficoltà ad accettarne le conseguenze, a qualunque età, qualunque ruolo la vita ci abbia riservato.

 Stefano Bonazzi

Stefano Bonazzi è nato a Ferrara nel 1983. Di professione webmaster e grafico pubblicitario, realizza composizioni e fotografie ispirate al mondo dell’arte surrealista. Le sue opere sono state esposte, oltre che in Italia, a Londra, Miami, Seul, Monaco. Nel 2014 ha pubblicato per l'editore Newton Compton il suo primo romanzo, A bocca chiusa.